Golf Carimate 50
IT - EN - DE

Un Golf Club con una grande tradizione

Ripercorrendo la sua bella storia lunga mezzo secolo, il club ritrova idee, individualità e motivazioni che hanno creato un gruppo tanto unito e capace nel tempo di realizzare appieno i propri obiettivi.


La Storia

Una tradizione nata nel 1962

Il Golf Club Carimate nacque nel 1962, creato insieme ad un insediamento residenziale a ville che già a quell’epoca prendeva in considerazione l’aspetto naturalistico del concetto di vivere in mezzo al verde di un campo da golf. Oggi Carimate viene preso come esempio per qualsiasi iniziativa immobiliare da ogni imprenditore interessato a mantenere prioritario il rispetto per l’ambiente. Questo bellissimo comprensorio è situato sulle prime colline brianzole, a metà strada tra Milano e Como. La sua storia inizia nel 1955, anno in cui la baronessa Arnaboldi Cazzaniga, appartenente a una famiglia nobile che risiedeva nella zona dal 700, decise di vendere il parco e il castello annesso alla Società Generale Immobiliare di Roma. La grande estensione della tenuta era perfetta per realizzare un progetto ambizioso tenendo come punto di riferimento centrale l’antico maniero, sviluppare un quartiere residenziale fatto di ville (circa 400 nessuna più alta della vegetazione circostante) e costruire nei restanti 60 ettari un campo da golf.


Il Design

Il tocco italiano nel design del Golf Club Carimate

In anni in cui ancora l’idea di golf era strettamente legata all’immagine di un mondo anglosassone nasce il Golf Club Carimate tutto all’insegna del design italiano che in quegli anni cominciava a farsi conoscere nel mondo. A progettare il campo è infatti chiamato Piero Mancinelli mentre per la club house l’incarico è dato a Guido Veneziani e Vico Magistretti.

Mancinelli, ingegnere romano che gioca a golf, ne scrive e ne progetta con maestria ritaglia il percorso adattandosi ai dislivelli del terreno, al progetto abitativo che si va sviluppando, ai tempi di realizzazione “a tappe” e disegna un campo che nel tempo conferma la sua unicità.
Magistretti e Veneziani progettano una club house che nulla ha del cottage all’inglese o della casa di campagna: nasce infatti un volume bianco e che segue l’andamento del terreno, con finestre e tagli che inquadrano il paesaggio e i grandi alberi del parco.
Ed è proprio al ristorante che si apre su quella che in origine era la buca 1 che Magistretti dedica una particolare attenzione perché è qui che nasce la sedia “Carimate” prodotta da Cassina che diventerà un classico del design italiano.

Vedi il volume: Golf Club Carimate 1962 - 2012 (formato PDF, 3Mb)

Questo sito utilizza cookie di profilazione, di terze parti, per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Il consenso può essere espresso anche cliccando sul link Maggiori Informazioni o sul link Chiudi oppure proseguendo la navigazione, anche mediante modalità scrolling. Maggiori informazioni | chiudi